NEWS DAL MONDO
VENERDÌ 04 DICEMBRE 2020 16:26 « Indietro
DPCM NATALE: NUOVE REGOLE DAL 21 DICEMBRE

Natale, Santo Stefano e Capodanno blindati nei confini comunali e, dal 21 dicembre al 6 gennaio, blocco degli spostamenti tra le Regioni e divieto di raggiungere le seconde case. E’ questo il cuore del nuovo DPCM di dicembre illustrato dal premier Conte.

Per gli anziani soli resta sempre consentito lo spostamento per stato di necessità tale intendendosi anche l'assistenza di una persona non autosufficiente.

Inoltre, nella notte di Capodanno il coprifuoco sarà esteso dalle 22 alle 7.

Chi andrà all'estero per turismo durante le feste, al rientro in Italia dovrà mettersi in quarantena. Stessa misura prevista per i turisti che arrivano in Italia nello stesso periodo, tra il 21 dicembre al 6 gennaio.

Nelle zone rosse e arancioni non cambia nulla per bar e ristoranti: dalle 5 alle 22 potranno continuare a fare servizio da asporto.

Gli alberghi rimangono aperti ma il 31 sera non sarà possibile fare veglioni o cene. I ristoranti chiuderanno alle 18 e poi solo servizio in camera. 

Per i ristoranti in zona gialla rimane tutto com'era.

Non ci sarà alcuna deroga serale, né si parla di chiusure straordinarie per il 25 dicembre e gli altri giorni festivi.

Via libera, quindi, anche al pranzo di Natale al ristorante, a patto che questo si trovi nel proprio Comune e che ci siano solo quattro persone per tavolo e l'orario di chiusura rimane alle 18; dopodiché bar e ristoranti potranno continuare a lavorare con il servizio di asporto fino alle 22 e con le consegne a domicilio senza limitazioni. 

I negozi potranno invece estendere il loro orario di apertura fino alle 21 in modo da permettere alle persone di fare lo shopping natalizio in modo ancora più scaglionato, riducendo così i rischi di creare assembramenti.

Dal 7 gennaio ripartirà la didattica in presenza, grazie a anche a un protocollo condiviso con regioni ed enti locali.


infotel: 080.5237410